Il team di Ecoinnovazione è formato da professionisti e ricercatori di solida esperienza e fama internazionale

Ecoinnovazione srl è uno spin-off di ricerca di ENEA, nato per mettere a disposizione del sistema produttivo e delle pubbliche amministrazioni i metodi e gli strumenti sviluppati nel corso di due decenni di progetti di ricerca e innovazione. Le competenze comprendono discipline ingegneristiche, scientifiche, economiche e manageriali in grado di affrontare la complessità delle tematiche delle valutazioni di sostenibilità e ambientali in ogni ambito: agricolo, industriale e dei servizi.

Paolo Masoni
Presidente

Ingegnere Nucleare. E' stato Dirigente di Ricerca presso il Dipartimento Sostenibilità dei sistemi produttivi e territoriali di ENEA e Responsabile del Laboratorio di LCA ed Ecodesign, dove ha guidato e gestito un team di ricerca con una ventina di ricercatori. Ha coordinato numerosi progetti europei. In tale veste ha supportato il Ministero dell’Ambiente per i temi relativi alla Produzione e Consumo Sostenibili e GPP e rappresentato l’Italia all’interno di tavoli tecnici internazionali. E’ stato promotore e primo presidente dell’Associazione Rete Italiana di LCA (www.reteitalianalca.it) e presidente di SETAC Europe (www.setac.org). Collabora con l’Environmental Program delle Nazioni Unite all’interno della Life Cycle Initiative (http://www.lifecycleinitiative.org) e con la FAO nell’ambito della Partnership LEAP (http://www.fao.org/partnerships/leap/en/). E’ co-cair della Conferenza SETAC Europe di Roma 2018 (https://rome.setac.org/general-info/programme-committee/)

twitter researchgate linkedin

Alessandra Zamagni
Consigliere Delegato

Laurea in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio e ha il Dottorato di Ricerca in Scienze. Ha maturato in circa 15 anni di attività nel campo dell’LCA, prima in ENEA poi in Ecoinnovazione, una reputazione tecnico-scientifica internazionale, dove partecipa attivamente a tavoli di coordinamento e gruppi di lavoro scientifico e a comitati editoriali di riviste scientifiche primarie quali l’Int. J. of LCA, dove cura la sezione Life Cycle Sustainability Assessment. E’ revisore per la Commissione Europea e per enti internazionali sul tema dell’LCA, Social LCA e Sustainability Assessment, ed è stata co-chair del SETAC Europe LCA Steering Committee. Lavora allo sviluppo e all’applicazione del metodo di Social Life Cycle Assessment ed è co-chair della 6th International Conference on Social Life Cycle Assessment (S-LCA) di Pescara 2018.

twitter researchgate linkedin

Roberto Buonamici
Consigliere Delegato 

Laurea in Ingegneria Nucleare. Ha maturato una lunga esperienza nel campo del trasferimento tecnologico e innovazione e nel campo delle valutazioni di sostenibilità basate sul ciclo di vita.

Gioia Garavini
Analista senior di LCA

Laurea specialistica in Scienze ambientali, in Ecoinnovazione dal 2013, ha una profonda conoscenza del life cycle assessment applicata: Dichiarazione Ambientale di Prodotto, Impronta ambientale di prodotti e organizzazioni, Carbon Footprint e per la definizione di strategie eco-innovative.

linkedin

Laura Zanchi
Analista Senior

Laurea in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio e Dottorato di Ricerca in Ingegneria Industriale sulla metodologia Life Cycle Sustainability Assessment. Ha maturato esperienza nel campo dell’LCA, LCC e S-LCA all’interno di progetti di ricerca
europei e nazionali a supporto dell’innovazione nei settori dell’automotive, dell’energie rinnovabili e dei rifiuti.
Ha inoltre condotto consulenza per aziende di diversi settori in progetti riguardanti Carbon Footprint e Water Footprint di prodotto/servizio e organizzazioni (ISO 14067, 14064 e 14046).
Creare un ponte tra la ricerca e l’individuazione di strategie aziendali per la sostenibilità è uno dei suoi più grandi interessi e sfide.

researchgate linkedin

Francesca Reale
collaboratore

Architetto, PhD in Tecnologia dell’Architettura e Design (2010). Dal 2011 svolge attività di ricerca e innovazione sui temi della sostenibilità ambientale, in particolare su “Metodologie e strumenti per la valutazione delle prestazioni energetico-ambientali”. Ha lavorato prima in ENEA presso il Laboratorio di LCA ed EcoDesign e poi alla Commissione Europea presso l’unità di Bio-economia del Joint Research Center, sviluppando una approfondita conoscenza della metodologia “Life Cycle Assessment” (LCA) e degli strumenti di mercato/politiche per la sostenibilità ambientale basate sul life cycle thinking (ad esempio Green Public Procurement, Dichiarazioni ambientali di prodotto).

Paolo Masoni
Presidente

Ingegnere Nucleare. E' stato Dirigente di Ricerca presso il Dipartimento Sostenibilità dei sistemi produttivi e territoriali di ENEA e Responsabile del Laboratorio di LCA ed Ecodesign, dove ha guidato e gestito un team di ricerca con una ventina di ricercatori. Ha coordinato numerosi progetti europei. In tale veste ha supportato il Ministero dell’Ambiente per i temi relativi alla Produzione e Consumo Sostenibili e GPP e rappresentato l’Italia all’interno di tavoli tecnici internazionali. E’ stato promotore e primo presidente dell’Associazione Rete Italiana di LCA (www.reteitalianalca.it) e presidente di SETAC Europe (www.setac.org). Collabora con l’Environmental Program delle Nazioni Unite all’interno della Life Cycle Initiative (http://www.lifecycleinitiative.org) e con la FAO nell’ambito della Partnership LEAP (http://www.fao.org/partnerships/leap/en/). E’ co-cair della Conferenza SETAC Europe di Roma 2018 (https://rome.setac.org/general-info/programme-committee/)

twitter researchgate linkedin

Alessandra Zamagni
Consigliere Delegato

Laurea in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio e ha il Dottorato di Ricerca in Scienze. Ha maturato in circa 15 anni di attività nel campo dell’LCA, prima in ENEA poi in Ecoinnovazione, una reputazione tecnico-scientifica internazionale, dove partecipa attivamente a tavoli di coordinamento e gruppi di lavoro scientifico e a comitati editoriali di riviste scientifiche primarie quali l’Int. J. of LCA, dove cura la sezione Life Cycle Sustainability Assessment. E’ revisore per la Commissione Europea e per enti internazionali sul tema dell’LCA, Social LCA e Sustainability Assessment, ed è stata co-chair del SETAC Europe LCA Steering Committee. Lavora allo sviluppo e all’applicazione del metodo di Social Life Cycle Assessment ed è co-chair della 6th International Conference on Social Life Cycle Assessment (S-LCA) di Pescara 2018.

twitter researchgate linkedin


Roberto Buonamici
Consigliere Delegato

Laurea in Ingegneria Nucleare. Ha maturato una lunga esperienza nel campo del trasferimento tecnologico e innovazione e nel campo delle valutazioni di sostenibilità basate sul ciclo di vita.

Gioia Garavini
Analista senior di LCA.

Laurea specialistica in Scienze ambientali, in Ecoinnovazione dal 2013, ha una profonda conoscenza del life cycle assessment applicata: Dichiarazione Ambientale di Prodotto, Impronta ambientale di prodotti e organizzazioni, Carbon Footprint e per la definizione di strategie eco-innovative.

linkedin

Laura Zanchi
Analista Senior

Laurea in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio e Dottorato di Ricerca in Ingegneria Industriale sulla metodologia Life Cycle Sustainability Assessment. Ha maturato esperienza nel campo dell’LCA, LCC e S-LCA all’interno di progetti di ricerca
europei e nazionali a supporto dell’innovazione nei settori dell’automotive, dell’energie rinnovabili e dei rifiuti.
Ha inoltre condotto consulenza per aziende di diversi settori in progetti riguardanti Carbon Footprint e Water Footprint di prodotto/servizio e organizzazioni (ISO 14067, 14064 e 14046).
Creare un ponte tra la ricerca e l’individuazione di strategie aziendali per la sostenibilità è uno dei suoi più grandi interessi e sfide.

researchgate linkedin

Francesca Reale
collaboratrice

Architetto, PhD in Tecnologia dell’Architettura e Design (2010). Dal 2011 svolge attività di ricerca e innovazione sui temi della sostenibilità ambientale, in particolare su “Metodologie e strumenti per la valutazione delle prestazioni energetico-ambientali”. Ha lavorato prima in ENEA presso il Laboratorio di LCA ed EcoDesign e poi alla Commissione Europea presso l’unità di Bio-economia del Joint Research Center, sviluppando una approfondita conoscenza della metodologia “Life Cycle Assessment” (LCA) e degli strumenti di mercato/politiche per la sostenibilità ambientale basate sul life cycle thinking (ad esempio Green Public Procurement, Dichiarazioni ambientali di prodotto).